Archivio della categoria: Senza categoria

Il prossimo primo maggio visto dagli studenti napoletani

così abbiamo nel sud un problema NON nuovo. Quello del lavoro!NAPOLI Al lavoro di Primo Maggio con l’alternanza -lavoro: stavolta sono i ragazzi della Quarta A del classico Garibaldi a protestare, come già i colleghi del Vittorio Emanuele in occasione delle Giornate del Fai. Nel giorno della Festa del Lavoro quando saranno impegnati dalle 9 alle 17 nel ruolo di guide turistiche, al Pio Monte della Misericordia indosseranno cartellini «contro l’alternanza scuola sfruttamento», annunciano i minorenni con un video già diventato

Condividi:
Share

La percezione della disabilità in Italia. Numeri CENSIS

Prendo spunto da un articolo per estrarre dei dati che è meglio conoscere: mi hanno meravigliato.

L’opinione pubblica stenta a percepire quanto diffusa sia la : un italiano su quattro dice di non aver mai avuto a che fare con persone disabili e due italiani su tre pensano che le dificoltà consistano essenzialmente in una limitazione dei movimenti (dati Censis)

Tal cosa è davvero preoccupante! Aggiungiamo poi che:

Sempre con dati CENSIS nel nostro Paese la disabilità è in aumento. Si contano oggi 4 milioni e 100 mila persone disabili (il 6,7 per cento della popolazione), ma ne prevedono 4 milioni e 800 nel 2020: la durata della vita si è allungata, quindi il numero degli anziani non autosuficienti cresce. Ma anche il numero degli alunni con disabilità nelle scuole è in costante aumento: 156 mila nell’anno scolastico 2015-2016 tra elementari e medie, il doppio di 15 anni fa.

Insomma dati da leggere per riflettere e da leggere l’intero articolo.

Condividi:
Share

Cambiamenti climatici: una strana relazione in America

Una relazione tra uragani ed economia americana è intervenuta in modo del tutto inaspettato. Un articolo di Loretta Napoleoni lo spiega in dettaglio. Noi prendiamo due cose soltanto. Era previsto che … invece:

Nel terzo trimestre del 2017 l’economia americana è cresciuta del 3 per cento, decisamente più del previsto (2,6 per cento su base annuale). Alcuni economisti avevano addirittura pronosticato una contrazione a causa dei danni provocati da due uragani consecutivi, e invece non è stato così.

Che cosa è accaduto?

La spesa dei consumatori è rimasta stabile, e anzi nelle zone colpite dal maltempo molti hanno riacquistato ciò che hanno perso, dalle macchine ai mobili. In effetti

la ricostruzione dopo un evento meteorologico estremo, come un uragano, può aiutare l’economia facendo salire la spesa dei consumi, che negli Stati Uniti assorbe circa il 70 per cento della produzione nazionale.

Risultato:

È paradossale, ma i due uragani confermano le previsioni di Donald Trump che aveva preannunciato un’impennata della crescita nella seconda metà del 2017.

Molto istruttivo.

Condividi:
Share

Bullismo, autolesionismo e gli inquieti adolescenti di oggi.

Tanti problemi per i genitori di oggi. L’adolescenza è un inquieto periodo ed oggi percorso da molte insidie legate alla rete e alle così dette mode.

Un articolo di Internazionale tratto da The Scientist ci introduce al problema. Ci dice che l’aumento dei disturbi mentali nell’adolescenza è diventato una realtà complessa e che il vero problema è che non si fa abbastanza per chi ha davvero bisogno d’aiuto

Una spiegazione difusa per l’aumento del malessere giovanile è l’esposizione al bullismo online. Il fenomeno è spesso presentato come la peggiore delle minacce, eppure un recente studio, che ha coinvolto più di centomila adolescenti inglesi, rivela che il bullismo reale è più difuso di quello online e spesso molto più nocivo. “I social network sono un nuovo canale, ma il ciberbullismo non è diverso da quello tradizionale”, dice Andrew Przybylski, che ha partecipato alla ricerca.

Inoltre, l’aumento dell’autolesionismo non equivale necessariamente all’aumento del disagio. “Non è dimostrato che nasca da un maggiore livello di soferenza”, dice il pediatra Max Davie. “Potrebbe essere diventato un modo culturalmente più accettabile di manifestarla”.

Come capiamo ci sono mode e modi per manifestare i problemi da parte degli adolescenti e le famiglie e le istituzioni dovrebbero, lo si dice sempre, più attente.

Condividi:
Share